pon grandeI fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE) sono i principali strumenti finanziari della politica regionale dell’Unione europea il cui scopo è quello di rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale riducendo il divario fra le regioni più avanzate e quelle in ritardo di sviluppo (art. 174 TFUE). I Fondi SIE si inseriscono all’interno della politica di coesione, definita dal Trattato sull’Unione come obiettivo fondamentale del processo di integrazione economica europea.

Al fine di rafforzare il sistema dell’istruzione e della formazione, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha già promosso la realizzazione di interventi finanziati dai Fondi Strutturali durante tre cicli di programmazione (1994-1999; 2000-2006 e 2007-2013).
Per il periodo di programmazione 2014-2020, il MIUR sarà responsabile dell’attuazione del Programma Operativo Nazionale “Per la Scuola. Competenze e ambienti per l’apprendimento”, che prevede interventi di sviluppo delle competenze, finanziati dal Fondo Sociale Europeo (FSE), ed interventi per il miglioramento degli ambienti e delle attrezzature per la didattica, finanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

LIM medie interno

LIM primaria CentroUrbano

Nei primi mesi del 2016, l’Istituto Comprensivo “Leonida Montanari” di Rocca di Papa ha ottenuto un finanziamento di € 22,000 a seguito di un progetto presentato nel dicembre 2015. Tale finanziamento deriva dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) suddetto e mira al miglioramento degli ambienti e delle attrezzature per la didattica.

Il progetto “Aule in rete, reti di aule, scelto dal Ministero come destinatario del finanziamento europeo, si basa sulla constatazione che l’Istituto ‘Montanari’ di Rocca di Papa è di fatto un Istituto “distribuito”, dal momento che consta di 5 plessi, con 3 Scuole dell’Infanzia, 3 di Primaria e una Secondaria di Primo grado su un territorio comunale di 40 km quadrati. Dal plesso più alto, Campi di Annibale (956 m s.l.m), si scende al Centro Storico fino a Giardino degli Ulivi (390 m). Le distanze spaziali tra i plessi sono piuttosto notevoli e anche la tecnologia, da porre al servizio della didattica, è distribuita in modo non omogeneo. Il progetto “Aule in rete e reti di aule” mira ad una omogeneizzazione della dotazione tecnologica dell’Istituto per permettere a tutti, alunni e docenti, di accedere nello stesso modo alle risorse della multimedialità e della rete Internet.

Con il finanziamento ottenuto, l’Istituto si è dotato, proprio in questi giorni, di diversi notebook, di 7 nuove Lavagne multimediali fisse e di una mobile, che saranno utilizzare per la didattica di classe e distribuite nei plessi;  sarà disponibile nella sede centrale anche una postazione informatica per l’accesso ai dati e ai servizi digitali della scuola, rivolta al personale docente, amministrativo e all’utenza in generale.

Di seguito sono elencati i principali documenti inerenti l’attuazione di tale progetto.