P.T.O.FIl Piano Triennale dell’Offerta Formativa nasce dalla Legge n. 107 del 13 luglio 2015 e dalle modifiche ed integrazioni dell’art. 3 del DPR n. 275/99, sostituito secondo la formulazione contenuta nel comma 14 dell’art. 1 della Legge stessa.

Il documento costituisce l’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita  la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia (art. 3), nella prospettiva di una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione, innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva (art.1). Esso fornisce dunque un quadro coerente entro il quale le complesse attività sono svolte a partire dalle condizioni date:

  • Curricola, scaturiti dalle Indicazioni Nazionali del 2012
  • Rapporto di Autovalutazione e conseguente Piano di Miglioramento
  • Bisogni formativi degli alunni e dei docenti
  • Esigenze del contesto culturale, sociale ed  economico  della  realtà  locale.

Il Piano indica gli insegnamenti e le discipline tali da coprire:

a) il fabbisogno dei posti comuni e  di  sostegno  dell’organico dell’autonomia, sulla base del monte orario degli  insegnamenti,  con riferimento anche alla quota di autonomia dei curricoli e agli  spazi di flessibilità, nonché del numero di alunni con disabilità, fermo restando la possibilità di istituire posti di sostegno in deroga nei limiti delle risorse previste a legislazione vigente;

b) il fabbisogno dei posti  per  il  potenziamento  dell’offerta formativa.

Indica altresì il fabbisogno  relativo  ai  posti  del personale amministrativo, tecnico  e  ausiliario,  nel  rispetto  dei limiti e dei parametri stabiliti dal regolamento di  cui  al  decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009, n. 119, tenuto  conto di quanto  previsto  dall’articolo  1,  comma  334,  della  legge  29 dicembre  2014,  n.  190,  il  fabbisogno  di  infrastrutture  e   di attrezzature   materiali,   nonché   i   piani   di    miglioramento dell’istituzione  scolastica  previsti  dal  regolamento  di  cui  al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80. (art.3).

Il documento del P.T.O.F. è elaborato dal Collegio dei docenti sulla base dell’Atto di indirizzo del Dirigente scolastico, ed è  approvato dal Consiglio d’Istituto. Pur nella sua pianificazione triennale, è sottoposto periodicamente a verifica e a revisione. Da ciò deriva la dinamicità intrinseca del Piano stesso, modificabile annualmente entro il mese di ottobre.